Viaggio in Abruzzo, a piedi sulle antiche strade della lana – Speciale FESTA della DONNA

Dal 5 al 9 marzo 2020 si cammina a piedi sulle antiche vie della lana.  In occasione della Festa delle Donne vi proponiamo un cammino tutto al femminile.

Era il 28 Febbraio 1909: negli Stati Uniti si celebrava la prima ed ufficiale festa della donna. L’iniziativa, nata in seguito al VII Congresso della II Internazionale Socialista di Stoccarda, si poneva come obiettivo principale quello di «lottare energicamente per l’introduzione del suffragio universale delle donne». Decenni dopo, nel 1975, le Nazioni Unite confermano la giornata della donna per l’8 marzo. Noi vogliamo festeggiare questo giorno con un cammino a piedi nell’Abruzzo interno, cuore della Transumanza. Percorreremo gli antichi sentieri battuti da greggi e pastori: il primo tratto del Tratturo Magno che collegava L’Aquila a Foggia e le strade della transumanza detta verticale, fino alle pagliare, antiche costruzioni in pietra sugli altipiani del Monte Sirente. Il viaggio sarà una vera e propria immersione nella storia e nella cultura, nei sapori e nelle tradizioni della transumanza, fonte di ricchezza per l’Abruzzo per molti secoli. Calpesteremo antichi sentieri per trovare nuove strade. Ascolteremo il racconto delle orme lasciate da chi ci ha preceduto per formarne altre arricchite di novità. Vivremo le giornate delle nostre antenate per poter apprezzare le nostre. Attraverso i racconti in cammino di Vanessa e gli intrecci di fili di Antonella, si conoscerà la vera anima del territorio d’Abruzzo.


IMG_20190622_191331IMG_20190622_163413IMG_20190620_112128


Data: giovedì 5 marzo – lunedì 9 marzo

Guida: Durante tutto il viaggio sarà con voi l’Accompagnatore di Media Montagna (Collegio Guide Alpine Abruzzo) Vanessa Ponziani

Ora e luogo dell’appuntamento: ore 15.00 circa a L’Aquila nella zona della Villa Comunale – su richiesta si possono concordare luoghi differenti di appuntamento

Fine viaggio e di tutte le attività: lunedì 9 marzo ore 16.00

Per partecipare è necessaria la prenotazione. Se vuoi partecipare a questa iniziativa contattaci


PROGRAMMA DI MASSIMA


1° giorno

Raduno dei partecipanti nel pomeriggio a L’Aquila. Possibilità di prelievo con auto o minibus a Pescara. Incontro con Alessia, archeologa e referente di ViaggieMiraggi per l’Abruzzo, e passeggiata alla scoperta del centro storico della città che trova le sue origini nel Medioevo. A seguire, spostamento a San Demetrio ne’ Vestini (AQ) e sistemazione nella struttura ricettiva e cena di benvenuto: prepareremo insieme una gustosa “arrostata”, momento conviviale molto importante per gli abruzzesi.

2°giorno

Colazione e partenza per il primo tratto del percorso lungo il Tratturo Magno, da San Demetrio ne’ Vestini a Navelli. Visiteremo con un archeologo il sito di Peltuinum, antica città romana sulla via Claudia Nova e punto nodale del percorso tratturale. Nel pomeriggio, dopo l’arrivo a Navelli, laboratorio con Antonella di tintura naturale: le donne di montagna sono sempre state un po’ streghe, un po’ fate e un po’ guaritrici. Custodi di ricette tramandate da generazione in generazione e profonde conoscitrici di erbe spontanee, radici e fiori, erano solite utilizzarle in molti campi, uno tra tutti la tintura. In inverno, approfittando dei camini accesi, era tutto un bollire di fili di lana e tessuti per prepararli al bagno di colore. In questo primo laboratorio sperimenteremo la tecnica della tintura naturale sul filo di lana curiosando nel ricettario magico della nonna.

3° giorno

Colazioneappuntamento con Vanessa per andare a Bominaco per la seconda tappa del cammino, da Navelli a Fontecchio. Visita dello splendido oratorio di San Pellegrino, definito “la cappella sistina d’Abruzzo”, dell’Abbazia di S. Maria Assunta e del castello medievale di Bominaco. Partenza da Bominaco per Fontecchio lungo l’antico sentiero di collegamento dei due borghi. Nel pomeriggio arrivo a Fontecchio e incontro con Antonella per il secondo laboratorio con feltro e… sapone. L’unione di due tecniche antiche per un prodotto finale al passo con i tempi. Sarà una sorpresa degna della più abile delle “streghe”. A seguire, con l’approssimarsi dell’ora di cena, prepareremo insieme una tipica leccornia abruzzese da gustare insieme ad altre prelibatezze di cui questa terra è piena.

4° giorno

Colazione e incontro con Vanessa presso la struttura e partenza per le pagliare di Fontecchio e Tione. Lungo il percorso sosta e visita al borgo di Fontecchio, che conserva ancora inalterato l’impianto medievale delle case-torri. Continueremo il sentiero fino ad arrivare alle Pagliare, antiche strutture in pietra utilizzate per la pastorizia e le attività agricole d’altura. Questo luogo magico ci ospiterà anche per il pranzo e la notte. Dopo l’arrivo, laboratorio  con Antonella: in un rifugio di montagna, intorno al fuoco di un caminetto, intrecceremo il filo colorato i giorni prima con ferri, telaietti, uncinetti e dita, a schema libero, per creare un manufatto che racchiuderà tra le sue maglie tutte le emozioni di questi giorni di cammino e sarà tutto un sorridere, raccontare e raccontarsi. Cena e pernottamento “speciali”, alla maniera di agricoltori e pastori che, fino agli inizi del secolo scorso, trascorrevano dei periodi dell’anno qui in carenza di acqua e luce.

5° giorno

Colazione e partenza per il percorso in discesa dalle pagliare a Campana, frazione di Fagnano Alto. Ci fermeremo in alcuni punti per vedere gli splendidi panorami sul Sirente, sulla valle dell’Aterno e sul Gran Sasso d’Italia, cima più alta degli Appennini. Pranzo degustazione di prodotti locali a Stiffe. Dopo il pranzo saluti e trasferimento nella vicina San Demetrio ne’ Vestini (AQ) per riprendere le auto e/o fare il transfer organizzato per L’Aquila / Pescara.


 ASPETTI TECNICI

(per maggiori informazioni contattare la guida Vanessa Ponziani 388.836.8340)


Il viaggio è adatto a persone di tutte le età che siano abituate a camminare e/o a fare percorsi di trekking e che non presentino notevoli difficoltà motorie, respiratorie e cardiache. La presenza di barriere architettoniche ostacola la partecipazione di persone con disabilità motoria.

ESCURSIONE 6 MARZO: Lunghezza: circa 17 km – Tempo effettivo di cammino: circa 5 ore – Dislivello: circa 190 m in salita e 250 in discesa – Tipo di sentiero: percorso quasi completamente su sterrata. Alcuni tratti di attraversamento strade.

ESCURSIONE 7 MARZO: Lunghezza: circa 17 km – Tempo effettivo di cammino: circa 5 ore – Dislivello: circa 540 m in salita e 550 in discesa – Tipo di sentiero: percorso su sterrato e sentiero.

ESCURSIONE 8 MARZO: Lunghezza: circa 6 km – Tempo effettivo di cammino: circa 2 ore – Dislivello: circa 400 m in salita e 80 in discesa- Tipo di sentiero: percorso tutto su sentiero.

ESCURSIONE 9 MARZO: Lunghezza: circa 10 km – Tempo effettivo di cammino: circa 3 ore – Dislivello: circa 400 m in discesa e 80 in salita – Tipo di sentiero: percorso su sentiero e sterrato.

ABBIGLIAMENTO E ATTREZZATURA

Oltre all’abbigliamento personale e al necessario per la toilette è fondamentale portare alcune cose specifiche per le escursioni e per i laboratori. Ricorda che, anche se siamo a maggio, le temperature potrebbero essere ancora basse, soprattutto la sera. Di seguito un elenco di cosa portare

Abbigliamento per le escursioni (per qualsiasi dubbio o info contatta l’organizzazione):

  • giacca impermeabile, magari anti-vento: è il cosiddetto guscio. Leggera, una volta piegata occupa poco spazio nello zaino. Evitare la mantella, che, non traspirando, spesso si trasforma in una sauna e che in caso di vento diventa ingovernabile;
  • un pile di medio spessore: la vecchia regola del vestirsi a cipolla, cioè a strati sovrapposti, rimane secondo validissima
  • due magliette sottili (manica lunga o corta è scelta personale) di quelle tecniche traspiranti. Una delle due da tenere nello zaino;
  • pantaloni lunghi da trekking. Evitare jeans e pantaloni della tuta: sono pesanti, se si bagnano si inzuppano come spugne e non aiutano il movimento. L’ideale sono i pantaloni con zip che permettono all’occorrenza di trasformarsi in pantaloncini;
  • calze da trekking. Da evitare i vecchi calzerotti di lana, che sono pesantissimi e fanno sudare il piede o di spugna. I nuovi materiali sintetici assolvono egregiamente al compito;
  • scarponi da trekking. Quelli alti che proteggono la caviglia, con una suola antiscivolo o in Vibram un po’ rigida e possibilmente con la fodera in Goretex o materiali similari, che aiutano il problema dell’infradiciamento dei piedi. Portare anche delle scarpe comode da trail da usare nelle camminate più tranquille;
  • cappello da sole con la visiera (aiuta a proteggersi il viso in caso di pioggia) e berretto caldo
  • guanti di pile o di lana cotta;
  • occhiali da sole, crema solare e stick per le labbra.

Attrezzatura per le escursioni: zaino da escursionismo da 28 litri con buoni spallacci e cinghia in vita; coprizaino per proteggere lo zaino in caso di pioggia; i bastoncini telescopici (o bacchette) possono aiutare, in quanto scaricano una parte del peso dalle spalle alle bacchette; macchina fotografica e binocolo (facoltativi).

Attrezzatura per il pernotto alla pagliara: sacco a pelo; materassino da campeggio; torcia o lampada frontale (con pile di ricambio); spray anti zanzara.

Attrezzatura da portare per i laboratori con Antonella: taccuino per appunti e cancelleria; un paio di ferri da maglia n. 6; ago da lana; forbici; filati e capi personali se durante i laboratori si volessero fare delle prove più specifiche.


  INFORMAZIONI UTILI

  • Possibilità di prelievo con auto o minibus a L’Aquila o Pescara. Si può arrivare a San Demetrio ne’ Vestini con il treno.
  • Alcune cene saranno organizzate come laboratori di cucina in cui si imparerà a produrre piatti della cucina abruzzese
  • La serata del quarto giorno dormiremo dentro una Pagliara. La sistemazione sarà su brandine in stanze in camerate. Sarà un’esperienza unica che ci permetterà di vivere per una notte alla maniera di agricoltori e pastori che, fino agli inizi del secolo scorso, trascorrevano dei periodi dell’anno qui in carenza di acqua e luce.
  • L’organizzazione si occuperà del trasporto dei bagagli durante il tour, quindi in escursione potrai portare solo uno zaino giornaliero.
  • Il programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, agli eventi in programma, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori. Oltre all’abbigliamento personale e al necessario per la toilette è fondamentale portare alcune cose specifiche per le escursioni e per i laboratori. Al momento della richiesta di iscrizione sarà fornita una scheda con i dettagli.

Referente locale: il viaggio è organizzato da Alessia, Antonella e Vanessa, donne impegnate nella tutela e nella valorizzazione del patrimonio culturale, naturalistico ed enogastronomico abruzzese.

Quando: il presente programma è valido per le date 5 marzo/9 marzo 2020. Per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo.

Quanto: quota a persona per il viaggio di 5 giorni/4 notti: 690,00 euro SCHEDA PREZZO