Escursione dai Prati del Sirente alle Pagliare di Tione

1457589_10205574012249218_7950408306211441365_n Domenica 7 febbraio vi proponiamo un inedito percorso che permette di raggiungere l’antico insediamento rurale delle Pagliare di Tione dai Prati del Sirente, percorrendo un’antica mulattiera. Lungo il percorso avremo la possibilità di osservare le opere murarie realizzate dall’uomo (stazzi, muretti a secco, terrazzamenti) immersi in una natura davvero selvaggia. L’area, inoltre, è ricca di presenza di animali selvatici, e con un po’ di attenzione non mancherà di osservare qualche cervo o trovare la stanga del suo palco. Infatti, a febbraio, inizia il periodo in cui i cervi maschi perdono il palco dell’anno precedente.

Durante l’escursione, la guida illustrerà gli elementi naturalistici, paesaggistici e storici che caratterizzano il percorso.

Siamo nel cuore del Parco Regionale Sirente-Velino tra i Prati del Sirente e la media Valle del fiume Aterno dove, ai piedi di ripidi pendii boscosi, sorgono DSCN2362i borghi di Goriano Valli, Tione degli Abruzzi e Fontecchio. L’itinerario si si svolge su un inedito sentiero che attraversa i boschi di faggio e quercie, mai eccessivamente faticoso. I principali elementi di attrattiva dell’itinerario sono la dolomitica e spettacolare parete nord del Monte Sirente, gli antichi villaggi agresti delle Pagliare di Tione, eccezionale testimonianza della cultura contadina della montagna abruzzese di un tempo, salvati dall’abbandono e dal degrado e, ovviamente, la selvaggia natura del Parco Sirente Velino.

12509185_10205574013289244_8646341708106732850_nPagliare di Tione: il villaggio è distribuito a quote diverse con una cinquantina di casette costruite con pietra calcarea a pianta quadrata o rettangolare, con il tetto a spiovente. Alcune si sviluppano su due piani sovrapposti, con l’abitazione in alto e la stalla a pianoterra; altre vedono l’edificio residenziale arricchito da verande e cortili (le antiche aie per la trebbiatura), separato dal locale della stalla e dal pagliaio. Nel cuore del villaggio sorge la cappella dedicata alla Madonna di Loreto e un grande pozzo circolare rivestito di pietra, ricavato da un inghiottitoio naturale, dal quale veniva attinta l’acqua piovana scendendo e salendo lungo due gradinate interne e simmetriche.

Adatta ai bambini: l’escursione è adatta ai ragazzi dai 12 anni in su

Accompagnatore: l’escursione sarà guidata da una guida dell’A.s.d. Abruzzo Mountains Wild

Costo: 10.00 euro a persona

Abbigliamento e attrezzatura: si consiglia di indossare un abbigliamento da trekking caldo e comodo (maglietta intima, pile, pantaloni lunghi); scarpe da trekking; cappello e guanti. Zaino in cui mettere: antipioggia; acqua (1 litro); pranzo al sacco. Facoltativo: macchina fotografica e binocolo. Utili i bastoncini da trekking. Un trucchetto: metti gli oggetti delicati (binocolo, cellulare, portafoglio) e gli indumenti che riponi nello zaino all’interno di sacchetti di plastica. In caso di acquazzone salverai così capre e cavoli.

Avvertenze L’escursione sarà annullata per cattive condizioni meteo. È obbligatorio prenotarsi. Ci si può prenotare fino alle 17.00 del giorno prima l’escursione.

Per partecipare contattaci e scarica la Scheda Tecnica

 

Leave a Comment