Escursione al Corno Piccolo del Gran Sasso d’Italia, per la via normale.

Corno Piccolo 1Per domenica 23 agosto vi proponiamo un’escursione speciale, che ci condurrà su una delle cime più belle del gruppo del Gran Sasso d’Italia, il Corno Piccolo. La struttura del Corno Piccolo (2.655 m. slm) costituisce una particolarità nella geologia del Massiccio, essendo costituito da un calcare di origine biogena e quindi generato da organismi costruttori (coralli) nel Lias (200 milioni di anni fa) ed emerso fra il Lias inferiore e l’Eocene (140 milioni di anni fa). Possiamo distinguere la struttura nell’aspetto stesso della roccia, estremamente compatta e non stratificata come quella di origine sedimentaria che caratterizza invece il Corno Grande. 1186190_189131577925144_63659247_nIn conseguenza di questo fatto l’accesso alla vetta risulta impegnativo anche per la via normale, che si snoda attraverso le uniche linee di debolezza della roccia e che conferisce alla salita il fascino proprio delle vie di arrampicata.

Si sale fino a quota 2040 con la moderna cabinovia dei Prati di Tivo quindi si percorre in salita il Vallone delle Cornacchie e superato il Rifugio Franchetti si sale alla Sella dei Due Corni, appena più in basso del Ghiacciaio del Calderone. Di qui si scende per il Vallone dei Ginepri dove parte il sentiero che per il versante ovest aggira le placconate compatte del massiccio e conduce in vetta al Corno Piccolo.

Per saperne di più e per prenotarvi scaricate la Scheda tecnica dell’escursione e contattateci.

Leave a Comment